Archivi categoria: Società

la coscienza artificiale

approfitto di questo mezzo di comunicazione di “massa” per riportare un fatto che è è successo oggi in classe mia all’ultima ora.

ultima ora, la prof ricorda di raccogliere i soldi per pagare metà della multa del un nostro compagno S.T.

la multa gli è stata data mercoledì 24/9 quando insieme a tutta la classe si stava recando a vedere lo spettacolo; lui avendo il 125 ha deciso di portarselo con se a motore spento (dato che nn è permesso precedere la classe col proprio mezzo)ma sfortuna volle che 2 vigili urbani (frustrati) lo fermassero per un controllo (io nn c’ero quindi nn so esattamente come è andata–chi vuole può lasciare un commento per descrivere la situazione come si sia svolta).S. è stato multato perchè nn aveva un documento importante con se (sicuro perchè è lui che me l’ha detto) per un totale di circa 72 euro.

la classe è d’accordo con la proposta della prof di “rifondere” S.T. con 23/46 dell’importo totale, ossia: ciascuno mette 1/46 x 72E =1.5E(circa)(ora che ci penso chi ha fatto i calcoli ha pure sbagliato in quanto alla fine avremmo avuto tutti i 72 euro e nn 36 come lui aveva suggerito). Un gesto carino, e ci sta…però nn obbligatorio come invece molti hanno pensato dato che appena ho detto “no io nn ce li metto” allora mi sono sentito piovere addosso insulti come barbone,morto di fame e frasi del tipo:nn muori mica per 3 euro eh!

le mie motivazioni sono: se ha preso una multa è solo colpa sua perchè ha dimenticato il documento. 2°) nn è condividendo metà della punizione che si dimostra di essere una classe unita, inoltre il volerlo imporre lo considero il frutto di una coscienza artificiale. terzo e ultimo se S.T. lo avesse chiesto apertamente (motivando la sua richiesta) allora avrei tranquillamente dato 1.5, 3.1 euro o più 

sbaglio? la mia argomentazione è presuntuosa?

federico montanaro 4°F